Sistemi di automazione Came per il padiglione del nuovo primo piano della Tour Eiffel

Sistemi di automazione Came per il padiglione del nuovo primo piano della Tour Eiffel

Dopo due anni di lavoro, il 6 ottobre scorso, Anne Hidalgo, sindaco di Parigi, ha finalmente inaugurato il nuovo primo piano della Tour Eiffel, interessato da uno straordinario intervento di restyling che ha reso ancora più attraente il monumento più prestigioso e visitato al mondo, grazie a un’architettura basata su forme oblique e trasparenti, unica nel suo genere.

Il lavoro di progettazione ed esecuzione, affidato agli architetti Moatti-Rivière, può essere considerato a tutti gli effetti “eccezionale”. L’ambizioso progetto ha infatti previsto l’integrazione di uno spettacolare pavimento in cristallo a 57 metri di altezza, la costruzione di strutture ecologiche e di un nuovo percorso espositivo accessibile anche alle persone disabili.

Grazie alla reputazione di cui gode nel campo dell’automazione di porte e cancelli, Came è stata chiamata a partecipare all’esclusivo progetto per la parte riguardante il sistema di automazione degli accessi al padiglione Ferrié, dove si trovano una zona dedicata alla ristorazione, un negozio di souvenir, una sala proiezioni e i servizi igienici.

Contraddistinto da un design esclusivo, il padiglione Ferrié si fonde alle curve dei piloni grazie a una struttura in vetro e acciaio. Sulle pareti oblique in cristallo si apre un esclusivo gate di accesso al padiglione dall’originale forma a “farfalla”, che l’architetto Alain Moretti ha voluto automatizzare.

Came, fiera di essere stata scelta per il restyling di uno dei monumenti più conosciuti al mondo, ha accettato e vinto la sfida automatizzando le 2 porte a “farfalla” da quasi 700 chilogrammi ciascuna, con un sistema “su misura”, nel rispetto dei vincoli del sito e dell’esclusiva apertura su pareti con un’inclinazione del 17%.

In particolare, le due ali a “farfalla” dell’ingresso sono state dotate di motori FROG+, in grado di resistere all’inversione del senso di rotazione e testati con oltre 900.000 cicli di apertura e chiusura. Ogni porta funziona in modo indipendente e i motori FROG+ vengono controllati e monitorati da un terminale elettronico collegato al sistema domotico di Came.

Insieme al sistema per il controllo accessi di Expo Milano 2015, la Tour Eiffel, con 7 milioni di visitatori all’anno, rappresenta un altro prestigioso traguardo per Came nell’ambito dei grandi spazi collettivi grazie alla qualità e alla versatilità delle sue automazioni.

Scrivi un commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <strike> <strong>